Le Strutture Sanitarie - MAMA ONLUS

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le Strutture Sanitarie

La Maternità
Questo padiglione del Villaggio è composto da:
una zona sanitaria con sala travaglio, sala parto, una piccola sala operatoria e delle consulte per la visita delle donne in gravidanza due case con una decina di stanze in totale per permettere alle donne di passare l'ultimo periodo della gravidanza assistite dal personale del Villaggio.
Il progetto "Maternità protetta" si rivolge alle donne sieropositive in gravidanza e prevede di seguire negli ultimi mesi prima del parto le donne in gravidanza che si presentano al villaggio per essere assistite. Questo permette al personale medico del Villaggio di controllare i valori virologici della puerpera (conta dei linfociti CD4 e Viral Load, ecc.) e di somministrare la terapia anti retrovirale. Così facendo il virus viene neutralizzato e si riduce sensibilmente la trasmissione dell'HIV al feto. Dopo la nascita le mamme vengono istruite affinchè non trasmettano il virus con il latte.
Da quando è stato inaugurato questo padiglione sono nati numerosi bambini e la stragrande maggioranza è sana.


Il Dispensario
Il Dispensario è una sorta di piccolo ospedale. Al suo interno vi sono due piccole corsie con 6 letti ciascuna, due stanze per le visite mediche e i prelievi ematici, alcune stanze con un letto in caso ci sia bisogno di tenere in isolamento un piccolo ospite.


L'Ambulatorio

Questa struttura, di recente costruzione, infatti fino al 2007 l'ambulatorio aveva i locali nello stesso edificio del laboratorio ma a causa del crescente numero di pazienti esterni che continuavano a rivolgersi alle cure dei medici del Villaggio è stato necessario costruire un ambulatorio più grande e funzionale. Attualmente vengono seguiti più di 2.000 persone tra adulti e bambini. Provengono da tutte le regioni circostanti e alcuni di loro sostengono lunghi e difficoltosi viaggi.

Il Laboratorio
Questa struttura è per gli standard africani molto ben attrezzata e gli operatori che ci lavorano sono tanzaniani e italiani.
Il laboratorio è diviso in due parti. Nella sala più grande si eseguono i normali esami ematochimici, la parassitologia, la microbiologia e la conta dei linfociti CD4. L'altra parte è destinata all'esecuzione dei test virologici in senso stretto, infatti si esegue la determinazione del Viral Load (la carica virale) e la PCR, cioè quel test che serve per determinare se un bimbo è nato sano. In tutta l'Africa ben poche strutture sono in grado di effettuare questi test e questo è reso possibile grazie all'aiuto in termini di strumenti, reagenti e personale dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma


Torna ai contenuti | Torna al menu